Campagne in corso!

Scrivici_anim
24th maggio 2012

Acqua pubblica

Continuiamo a partecipare al Forum Acqua nazionale ed a diffondere notizie. Comunicati stampa e inviti alla mobilitazione alle botteghe. E’ vero che abbiamo vinto clamorosamente i referendum ma bisogna continuare a vigilare perchè il risultato referendario sia rispettato.

24th maggio 2012

Abiti puliti

logo_abiti_puliti_sito2Da anni aderiamo alla Clean Clothes Campaign – CCC (Campagna Abiti Puliti), che si occupa del rispetto dei diritti umani nella produzione e distribuzione di tessuti ed abiti.

In particolare nel 2011 abbiamo partecipato alle iniziative contro la sabbiatura dei jeans.La sabbiatura, utilizzata per dare ai jeans un look usato e “logoro”, è nota per essere letale per gli operatori del tessile in paesi come il Bangladesh e la Turchia, dove tale tecnica viene eseguita manualmente.

Ora un settore su cui consigliamo alle Botteghe del Mondo, ma ovviamente a tutti coloro che leggono questa pagina, di attivarsi è il grande business del merchandise olimpico e paraolimpico.

Gli organizzatori dei Giochi del 2012 stimano che le mascotte di Londra 2012, Wenlock e Mandeville, aumenteranno le vendite totali di portachiavi, peluche, adesivi, badge, zaini e carte da gioco, in edizione limitata, di 1 miliardo di sterline. C’è un costo nascosto che sarà pagato dai lavoratori cinesi impiegati per produrre questi beni.

24th maggio 2012

Anche il vetro è per sempre…

Maendeleo – Italia Onlus ha lanciato questa campagna, a cui aderiamo, di sensibilizzazione contro lo sfruttamento illegale delle risorse in Repubblica Democratica del Congo. La campagna approfondisce le dinamiche legate all’estrazione e commercializzazione di pietre preziose (un diamante è per sempre…), oro, ma anche materie prime come il rame e il coltan, la lega minerale fondamentale per i microprocessori che utilizziamo tutti i giorni nei nostri cellulari, tablet, portatili.
Lo scandalo idrogeologico del Congo, le connivenze internazionali, il tentativo di certificare i diamanti congolesi tramite la procedura Kimberly e tutti i trucchi per scavalcarla sono illustrati in un opuscolo che possiamo inviare gratuitamente alle bdm (solo il costo dei francobolli); nello stesso opuscolo si presenta anche l’esportazione illegale di legname proveniente dalla foresta primaria congolese, polmone verde del mondo.
Il “commercio” delle materie prime è concausa delle problematiche climatiche che dovremo sopportare. Serve informazione a tappeto e mobilitazione pubblica per fermare lo scandalo del paese all’ultimo posto nel rapporto ONU sugli indicatori dello sviluppo umano 2011, 185esimo su 185 paesi.

24th maggio 2012

Dalla COP 17 di Durban verso RIO + 20

La campagna è co-promossa con Fair, Altreconomia e Legambiente.
Nel mese di giugno 2012 la comunità internazionale si ritroverà a Rio de Janeiro, a vent’anni dal primo Summit sul clima, per fare il punto della situazione.
Finora i Governi non si sono assunti responsabilità nei confronti del pianeta e delle generazioni che verranno. La Green Economy, l’economia verde, si trova a confrontarsi con temi disattesi dagli Stati ma fondamentali, come l’attenzione alle filiere produttive, il mercato delle materie prime, i Trips (sostanzialmente i brevetti), gli stili di vita delle varie popolazioni mondiali. Giustizia climatica e giustizia sociale vanno di pari passo. Lottare contro il cambiamento climatico impone politiche coerenti e fortemente basate sull’equità sociale. Occuparsi di cambiamento climatico non può più prescindere da un’azione diretta e concertata anche sul commercio internazionale, come sui vari Accordi di libero scambio che la Commissione Europea sta siglando con altri Paesi. Per questo portiamo all’attenzione delle Botteghe e dei consumattori il prossimo Summit di giugno, perchè prendiamo coscienza dell’importanza del mettere in pratica, sperimentare, nuove forme di economia e di società, reti locali come le nostre, capaci di scambiare e testare economie concrete ma anche sostenere conflitti territoriali contro scelte politiche od infrastrutturali insostenibili e, non ultimo favorire la crescita di un protagonismo politico capace di portare sui tavoli che contano (sia nazionali che internazionali) il nuovo modello di società che vogliamo…

24th maggio 2012

Alleanza con la Locride e la Calabria

L’Alleanza con la Locride e la Calabria è nata nel 2008. Si pone come obiettivo la libertà e la democrazia in Calabria opponendosi alla ‘ndrangheta e alle massonerie deviate tramite la partecipazione attiva e il mutualismo cooperativo ed economico. L’Alleanza sostiene anche gli sforzi nelle altre regioni d’Italia per contrastare i processi di infiltrazione di questi poteri di morte. Ogni anno il 1 Marzo l’Alleanza si ritrova in piazza a festeggiare e manifestare i propri intenti; nel 2008 si tenne a Locri, nel 2009 a Crotone, nel 2010 a Reggio Emilia, nel 2011 a Caulonia.

Powered by LibLab