Campagne in corso!

Scrivici_anim
18th Maggio 2015

La World Fair Trade Week, dal 23 al 31 maggio a Milano

EtichettaWFTO-1

Prodotti e produttori del Sud del Mondo ma anche del Domestic Fair Trade sono i veri protagonisti della World Fair Trade Week che dal 23 fino al 31 di maggio fa di Milano la capitale mondiale del Fair Trade. Centinaia tra espositori, ristoratori, ricercatori universitari, piccoli imprenditori, fashion maker dell’economia sociale e solidale attesi da più di cinquanta paesi. Ma soprattutto le persone e le loro storie uniche che insieme disegnano il panorama mondiale del Movimento del Commercio Equo e Solidale saranno le vere protagoniste dell’evento mondiale organizzato da WFTO – World Fair Trade Organization – ed Equo Garantito, l’Assemblea Generale italiana del Commercio Equo e Solidale in collaborazione con il Comune di Milano e grazie al sostegno di Fondazione Cariplo e del progetto EU “Food Smart Cities for Development”.

 

Sei gli eventi della World Fair Trade Week: la World Fair Trade Conference dal 24 al 27 maggio che accoglie all’Hotel Klima oltre 221 delegati WFTO da 57 paesi del mondo, la Milano Fair City – prima fiera mondiale del Fair Trade – alla Fabbrica del Vapore di via Procaccini che ospita 170 espositori da 30 paesi e un calendario di 40 tra incontri e conferenze. E ancora la Fair&Ethical Fashion Show all’Ex Ansaldo prima fiera internazionale di moda etica e sostenibile con un ricco programma culturale e 30 espositori da 12 paesi – prevista tra le altre la premiere italiana di “The True Cost” docufilm di Andrew Morgan sul mondo della produzione della moda, il Fair Trade Symposium organizzato insieme al Politecnico di Milano dove 70 ricercatori da 12 paesi si confrontano su 59 paper di studio e l’assemblea annuale di AGICES – Equo Garantito, momento di incontro e confronto tra i protagonisti del settore in Italia, settore che malgrado la crisi vede aumentare i suoi punti vendita. E infine la Milano Fair Cuisine, che dal 16 al 31 maggio vede gli chef di 26 ristoranti di Milano e d’Italia confrontarsi con gli ingredienti della “dispensa etica” del Fair Trade e proporre serate a tema Fair Trade.

 

Il tema della “responsabilità” è il filo conduttore di questa edizione italiana della World Fair Trade Week e attraversa tutti gli eventi della settimana in città porgendo ai cittadini e ai visitatori degli eventi, in modo concreto e visibile, l’esempio dell’operato delle organizzazioni del Commercio Equo e Solidale. Centinaia di relatà che garantiscono l’eccellenza sociale e ambientale dei prodotti attraverso una filiera commerciale corta e virtuosa che punta alla giusta remunerazione e ad uno sviluppo che possa davvero “nutrire il pianeta” in modo equo. Milano ha ricevuto – lo ricordiamo – il testimone dalla passata edizione di Rio nel 2013 direttamente nelle mani del rappresentante del Sindaco Giuliano Pisapia; l’amministrazione comunale ha fortemente voluto questa manifestazione e collaborato alla sua realizzazione ponendola a pieno titolo nel calendario di ExpoCittà.

 

WFTO_conf_2-1

 

Alcuni dettagli dei sei eventi della World Fair Trade Week
L’occasione che ha fornito il destro di portare a Milano la World Fair Trade Week è stata laWorld Fair Trade Conference (la Conferenza biennale di WFTO ) – che si terrà dal 24 al 27 Maggio all’Hotel Klima, con la presenza attiva di oltre 221 delegati da 57 paesi del mondo. Sarà aperta simbolicamente domenica 24 maggio alle 10 nello Spazio ex-Ansaldo con un’opening ceremony a cui saranno presenti i produttori e i volontari del movimento italiano, caratterizzata dall’intervento del giornalista indiano Palagummi Sainath. Il giorno dopo, 25 maggio la prima sessione plenaria sarà aperta da un ispirational speech di Frans van der Hoff, uno dei padri del Commercio Equo e Solidale mondiale. I lavori proseguiranno poi il 26 maggio con l’apertura del professor Paul Singer economista ed esperto di economia solidale mentre – a fine giornata – i delegati saranno ospiti di uno special event del progetto Milano Fair Cuisine alla Fabbrica del Vapore con una cena a tema Fair Trade. Tra i temi forti trattati nella World Fair Trade Conference, la riflessione sul “viaggio” globale del Commercio Equo e Solidale, numerose sessioni di workshop, racconti di Best practises, oltre ai meeting delle WFTO regionali.

 

FairCUISINE

 

La democrazia del cibo è servita: dal 16 al 31 maggio la rassegna Milano Fair Cuisine porta in tavola, nei ristoranti di Milano e non solo, i sapori del Commercio Equo e Solidale. Gli chef di rinomate insegne – da Erba Brusca a Pasta Madre, da Jodok all’Osteria Grand Hotel, dal ristorante del Klima Hotel al Ciriboga a La Mirta hanno infatti scelto di inserire nel proprio menu ricette con i migliori ingredienti nella “dispensa etica” del Fair Trade che i cittadini milanesi potranno gustare ogni sera e in eventi speciali. Un cibo che davvero “nutre il Pianeta”, perché rispetta lavoratori e ambiente: materie prime di alta qualità organolettica, coltivate e lavorate dai produttori del circuito Equo e Solidale – dall’amaranto allo zucchero, dal cous cous alle spezie – pagate un prezzo giusto e trasparente al produttore. A questi saranno abbinati – in armonia con lo slogan “fair and local” – gli ingredienti di domestic Fair Trade, ovvero quelli provenienti da progetti di agricoltura biologica e sociale in Italia. Oltre ai ristoratori, partecipa a Milano Fair Cuisine l’Istituto Alberghiero “Amerigo Vespucci” di Milano, i cui studenti si cimenteranno nella preparazione di ricette da loro ideate con ingredienti Fair Trade.

 

FEFS_italiano

 

Dal 22 al 24 maggio Milano si cambia d’abito, per vestire in modo etico e solidale: venerdì 22 maggio alle ore 12, con il press tour, si apre infatti, allo Spazio Ex-Ansaldo, il Fair & Ethical Fashion Show, prima fiera internazionale della moda equa, etica e sostenibile, con 32 espositori di capi, tessuti e accessori di moda responsabile. L’evento avrà un’altra “vernice” straordinaria sabato 23 maggio: alle 10, il convegno “La moda cambia abito. L’industria della moda tra diritti e business”, promosso da Camera Nazionale della Moda, AGICES – Equo Garantito e WFTO – World Fair Trade Organization e alle 18 la première italiana aperta al pubblico di “The True Cost”, atteso ultimo lavoro del regista statunitense Andrew Morgan, reduce dal Festival di Cannes. “Una storia sui vestiti che indossiamo e sulle persone che li confezionano”, un viaggio nei luoghi dove produrre moda comporta elevatissimi costi umani e ambientali. Presenti Andrew Morgan, Orsola de Castro di FromSomewhere, ideatrice della campagna Fashion Revolution, Safia Minney di People Tree, Marina Spadafora designer della collezione di Altromercato Auteurs du Monde. Laura Strambi, fashion designer esperta di moda sostenibile, presenterà una “Capsule Collection” ideata per F&EFS e realizzata con tessuti e accessori di produttori del circuito commercio equo e solidale. Qui il programma completo di Fair & Ethical Fashion Show.

 

MFC_Italiano

 

Dal 28 al 31 maggio, nel maestoso spazio polifunzionale della “Fabbrica del Vapore”, l’evento forse più atteso della World Fair Trade Week: Milano Fair City, la prima fiera internazionale del Commercio Equo e Solidale, con trenta paesi da quattro continenti rappresentati e 250 stand di cibo e artigianato. Milano Fair City è una straordinaria occasione per incontrare e stringere la mano a decine di produttori del Commercio Equo e Solidale, per la prima volta insieme in unità di tempo e luogo, con i loro prodotti ma soprattutto con i loro volti e le loro testimonianze, tra cui spiccano quelle delle donne, vero pilastro dell’economia globale: dai batik di Global Mamas, artigiane del Ghana, al cous cous integrale delle donne palestinesi di Parc, dalle camere d’aria riciclate “artistiche” di Sapia, Colombia al cioccolato modicano con cacao bio ed equo. Sono attesi con particolare emozione i produttori del Nepal. Una “sovranità alimentare”, cibo e bevande, che ritroveremo nei punti di ristoro di Milano Fair City e rappresenterà un pacifico e reale contraltare alla retorica di EXPO2015. A Milano Fair City partecipano inoltre numerose realtà dell’economia solidale italiana, dalla finanza etica al turismo responsabile, dall’agricoltura biologica alla cooperazione sociale.

 

Symposium

 

Si intitola invece “Critically Developing the Fair Trade Movement: Trade justice in food, fashion and craft”, il V Fair Trade International Symposium, organizzato da International Steering Committee che dal 29 al 31 maggio, al Politecnico di Milano Bovisa, in via Durando 10, vedrà la presentazione di 59 paper provenienti da università di tutto il mondo e la presenza di oltre 70 tra ricercatori e policy makers e 28 practitioners. Il tema centrale sarà un’analisi critica del movimento Fair Trade rispetto a temi quali la Fair Trade Governance, l’approccio della certificazione, gli obiettivi primari del Fair Trade, la relazione tra le pratiche di Fair Trade e i consumatori, i suoi networks ed organizzazioni, la tecnologia e l’innovazione in agricoltura e – tema trasversale – le innovazioni metodologiche e di approccio. Il Symposium è organizzato in sessioni plenarie, sessioni parallele, presentazione dei poster e tavole rotonde. La lingua ufficiale sarà l’inglese, ma un numero ristretto di workshop saranno organizzati in lingua italiana, spagnolo e francese. La partecipazione è aperta a tutti, previa iscrizione (a pagamento).

 

L’Assemblea di Equo Garantito, sabato 30 maggio alla Fabbrica del Vapore sarà infine l’occasione per tirare le somme di un anno importantissimo per il movimento del Commercio Equo e Solidale in Italia. I numeri più significativi: 84 le organizzazioni di Fair Trade italiano, cooperative e consorzi, a cui fanno capo quasi 33mila soci e oltre 5mila volontari. I punti vendita (le Botteghe del mondo) sono 256. I soci Equo Garantito, raggiungono un valore aggregato di produzione di oltre 78 milioni di euro. In Italia sono ormai 12 le regioni dotate di una legge di sostegno al Commercio Equo e Solidale: l’ultima è la Regione Lombardia, che ad aprile ha approvato la LR 9/2015. In Parlamento inoltre è in via di discussione una legge nazionale. Il 2015 ha visto anche l’esordio di Equo Garantito, il sistema di garanzia del Fair Trade italiano che monitora le organizzazioni di commercio equo e solidale aderenti ad AGICES e le garantisce conformi agli standard WFTO. Equo Garantito, infine, lancia la sua EquoApp, la prima applicazione – gratuita – per smartphone e tablet dedicata al Fair Trade italiano, con cui geolocalizzare le botteghe “Equogarantite” più vicine e restare sempre informati sulle novità e ricevere informazioni sugli eventi e le attività in programma.

24th Aprile 2015

Arriva il World Fair Trade Day 2015

WFTD_Badge_WebNews

Torna sabato 9 maggio l’appuntamento con il World Fair Trade Day, la giornata mondiale del commercio equo e solidale promossa dalla World Fair Trade Organization. L’appello è per tutti coloro che sono impegnati a fare la differenza e sostiene il cambiamento: tutti possono partecipare a questa giornata di festa e di celebrazione.

 

I prodotti del commercio equo e le persone che lavorano e operano nel commercio equo stanno facendo la differenza ogni minuto, ogni volta che un prodotto equo e solidale viene acquistato. Grazie al sostegno dei consumatori che credono nel potere del loro potere d’acquisto, il commercio equo e solidale crea ogni giorno un cambiamento positivo.

 

“Il commercio equo e solidale è inarrestabile”, spiega il presidente di WFTO Rudi Dalvai. “È una pratica in costante crescita e una soluzione in grado di combattere la povertà, le ingiustizie sociali e il cambiamento climatico. Molte aziende e organizzazioni di tutto il mondo stanno abbracciando il commercio equo e altre pratiche sostenibili a causa della crescente domanda di un futuro sostenibile per tutti noi. Solamente all’interno del WFTO, le organizzazioni del commercio equo hanno raggiunto nel 2014 un fatturato complessivo di vendita di oltre 430 milioni di euro. E ogni mese ci stiamo espandendo: sempre più organizzazioni si stanno unendo al movimento del commercio equo e alla rete WFTO “.

 

Quest’anno e anche nel 2016 e nel 2017, il WFTO si impegnerà per invitare quante più persone, prodotti, marchi e organizzazioni possibili a diventare “Agenti del Cambiamento”. Per questo c’è una nuova WebApp grazie alla quale tutti possono “metterci la faccia” e diventare “Agenti del Cambiamento”.

 

L’invito allora è partecipare e far partecipare, diffondere l’iniziativa attraverso tutti i mezzi possibili (per i social network ci sono gli hashtag #AgentChange #FairTrade e #WFTD2015) e ovviamente organizzare eventi in occasione del World Fair Trade Day: una mobilitazione mondiale a favore del commercio equo e solidale, che sarà anche il trampolino di lancio per la World Fair Trade Week in programma a Milano dal 24 al 31 maggio.

21st Aprile 2015

Anche in Lombardia il commercio equo è legge!

Lanciato al PIME in occasione di Tuttaunaltracosa, nel 2007, la legge regionale sul fair trade è stata oggi approvata all’unanimità!

A maggio 2007 decine di parlamentari italiane sfilarono nei saloni del museo etnografico del PIME, consapevoli che i lavoratori nel settore del tessile nei paesi in via di sviluppo sono  prevalentemente donne, alle quali nella maggioranza dei casi vengono costantemente negati i più elementari diritti, nella “capitale della moda.

Fu l’occasione per porre basi, durante un convegno a cui parteciparono tutte le realtà nazionali e una folla di attivisti e organizzazoni lombardi, per l’iter di legge che ha portato il 21 aprile alla discussione in Consiglio regionale Lombardia della legge sul commercio equo e solidale!

(altro…)

7th Aprile 2015

L’economia solidale in festa, a Roma, con Raccontiamola giusta!

unnamed

Sabato 11 e domenica 12 aprile, a Roma, nello spazio dell’Ex Cartiera del Parco Regionale dell’Appia Antica (Via Appia Antica, 42 – Roma), arriva l’appuntamento con Raccontiamola giusta. L’economia solidale in festa. Una due giorni di laboratori, racconti e officine, con più di settanta realtà produttive presenti in fiera, per costruire la rete di economia solidale di Roma e del Lazio. Sarà una festa pensata come uno spazio aperto alle persone e alle realtà che vogliano incontrarsi e collaborare.

 

In programma ci sono più di trenta momenti di presentazione e racconto di progetti, imprese e realtà dell’economia solidale, ventisei laboratori creativi per grandi e piccini, sei momenti di discussione e confronto su temi e progetti per la futura Res Lazio. E saranno anche presentati la mappatura open data delle realtà di economia sociale e solidale nel Lazio e i primi dati del rapporto sull’agricoltura sociale nella regione.

 

L’obiettivo è costruire un’occasione di racconto e confronto tra i gruppi di acquisto solidale, i produttori di agricoltura biologica, le botteghe del commercio equo e solidale, chi opera nel consumo responsabile, negli orti urbani, nella finanza etica, le realtà che lavorano per il riciclo e il riuso dei materiali, per il risparmio energetico e le energie rinnovabili, e ancora le esperienze di turismo responsabile e sostenibile, gli artigiani dell’ecocompatibilità, chi propone mobilità sostenibile, i sistemi di informazione aperta come il software libero oppure giornali tv e radio che operano dal basso, chi fa formazione e ricerca per un’economia alternativa e chi fa consumo critico e responsabile. Insomma tutto quello che in diverso modo si muove nei territori per una conversione ecologica e sociale.

25th Marzo 2015

La World Fair Trade Week, tra l’Expo e il quotidiano essere Bottega del Mondo

LogoWFTWorizzontale

Cari soci,

 

la necessità di incontrarci e di confermare con la nostra adesione il progetto internazionale di commercio equo e solidale – la World Fair Trade Week, settimana mondiale del commercio equo e solidale che si terrà a Milano tra il 22 e il 31 maggio 2015 – rappresenta l’antidoto più naturale all’incertezza di questi tempi e alla voglia di andare da soli.

 

Riconoscere la forma e la ricchezza delle nostre relazioni sul piano locale ed internazionale, comprendere e confermare, nella nostra storia di movimento, le parole dell’impegno è scegliere quanto fondere di noi stessi nella difficile transizione verso una economia del NOI.

 

Sentiamo l’esigenza di una contaminazione virale di buone pratiche che si opponga alle economie dell’illusione e della crescita infinta.

 

La raccomandazione di nutrire un pianeta (che da millenni ci sfama) e che semmai ci guarda con preoccupazione sempre più crescente, dovrebbe principalmente condannare la violazione dei limiti, la tracotanza dei modelli e della politica di sfruttamento industriale della terra, come pure allontanare una falsa idea di benessere e di futuro alimentare, inteso solo come capacità di acquisto.

 

Il capitalismo procede per contagio fino ad alimentare consumi eccessivi, a volte spinti anche da false sicurezze bio, eque & solidali di green economy e nuovi modelli tecno- sostenibili che, pur garantendo un cambio transitivo e di paradigma economico, stanno comunque lato dell’offerta e del consumismo.

 

Non è possibile accettare che il commercio equo e solidale sia solo una parentesi o una parola del carrozzone mediatico di Expo, finendo incastrati o confusi nell’ inevitabile scia social – buonista dell’evento. L’equo e solidale è la storia di un movimento che conta ormai mezzo secolo di progetti e di persone e sul quale non si può fare economia di senso.

 

Vogliamo candidare il commercio equo e tutti i cittadini a diventare i maggiori “consumatori difettosi ” del pianeta, perché le nostre pratiche possono essere di supporto alla società civile ed elaborare – all’occorrenza- uno spirito un po’ incivile e sdoganare il linguaggio dei buoni sentimenti e della retorica sana, buona , pulita e giusta perché non siamo un’ élite di buongustai socialmente orientati.

 

La nostra partecipazione all’evento sarà anche quindi un’importante occasione, per realizzare il mandato profondamente politico del CES perché esso non si riferisce solo all’idea di compiere una personale scelta di cambiamento di stile di vita e di consumo, ma richiama l’impegno comune alla costruzione di una visione di democrazia e di giustizia.

 

Nella filigrana del nostro progetto e del metodo comune, convivono infatti da una parte l’esigenza e la necessità di interpretare la realtà socio economica, la crisi, le disuguaglianze, sia a livello locale che nazionale ed internazionale, e dall’altra di avviare pratiche eque di cambiamento, sperimentando anche una terapia delle idee con pratiche economiche alternative e collettive, che contrastino dal basso la geografia dell’angoscia e l’impoverimento collettivo.

 

Definire insieme il pensiero e il metodo, l’identità e la speranza, il progetto di re-incanto dei nostri territori: è questa la sfida, per rinnovare la visione del mondo, con la forza della nostra proposta e con un linguaggio non convenzionale.

 

“Paupertas artis omnies perdocet” la povertà è la madre di tutte le arti: dimostriamo quanto sia importante rendere esperta l’esperienza della povertà, scegliamo di mettere al centro i progetti, le idee e le risorse dei produttori del sud e del nord del mondo.

 

Sappiamo tutti che la soluzione ai problemi planetari non potrà avvenire in modo lineare o con qualche tavoletta di cioccolato in più, ma passerà, soprattutto, dalla strategia di consolidare le idee solidali con le politiche e le prassi, già in uso nelle botteghe del mondo un brevetto e uno stile che affonda la sua “esclusività” nell’informale, ma sempre a buon mercato, che si prende cura dell’altro diverso da noi.

 

L’arte di non farsi governare e di decidere politicamente ogni giorno il nostro futuro è già iniziata, ma è necessario creare relazioni umane di convivenza e di cooperazione interpersonali e libere dai sistemi di accumulazione del profitto, della sconnessione del rapporto tra capitale e lavoro e della relativa massimizzazione dei risultati.

 

Il commercio equo è già ribellione atomistica e molecolare ed invenzione e modo di vivere “post – sviluppo “ e post – capitalista.

 

Ci auguriamo, come Associazione Botteghe del Mondo, che la World Fair trade week sappia anche confermare la capacità di escludere dal nostro movimento le strutture gerarchiche, la seduzione di un racconto solo individuale nell’analisi delle complessità delle relazioni economiche, favorendo invece un indirizzo e una autonomia di tutti i “nodi organizzativi” della rete equa e solidale, la condivisione dei principi fondamentali costituenti e delle campagne di azione comune.

 

Invitiamo tutti i soci e le botteghe a presentare, nei prossimi giorni, i propri documenti di indirizzo e tutte le proposte per condividere una posizione comune sui temi della sovranità alimentare, diritto al cibo, obiettivi del millennio.

 

Saremo infine presenti con un’anteprima dei progetti dei produttori solidali e delle esperienze delle Botteghe del Mondo al PIME alla Fiera Tuttaunaltrafesta nei giorni 22-24 maggio 2015, successivamente alla FTW nei giorni 26-29 maggio e infine concluderemo quest’anno di RELAZIONI con il territorio con la fiera nazionale del commercio equo e solidale Tuttauntaltracosa a Ferrara dal 2 al 4 ottobre 2015.

 

E prima ancora ci trovate a Roma l’11 e 12 aprile ad organizzare la prima festa dell’economia solidale di Roma e del Lazio.

 

Vi aspettiamo!

 

Massimo Renno

 

 

Powered by LibLab