Campagne in corso!

Scrivici_anim
19th settembre 2018

Territori Equosolidali, per un futuro responsabile e sostenibile

Equo Garantito, Fairtrade Italia e Assobotteghe, all’interno dell’importante cornice di Terra Madre 2018, lanciano la nuova campagna Territori Equosolidali con l’obiettivo di promuovere strumenti e azioni per attuare buone pratiche sul Commercio Equo e Solidale e in favore del raggiungimento degli SDGs.

Leggi qui sotto il Comunicato Stampa completo: se vuoi, puoi anche scaricarlo in .pdf

Scarica la locandina del programma del lancio nazionale a Torino della campagna il 24 settembre.


 

COMUNICATO STAMPA
Territori Equosolidali – rinnovare l’impegno tra Commercio Equo ed enti locali per un futuro responsabile e sostenibile

 

 

Milano, 19 settembre 2018

Riparte da Torino la sfida per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) a livello locale attraverso il Commercio Equo e Solidale.

 

Equo Garantito, Fairtrade Italia e Assobotteghe, all’interno dell’importante cornice di Terra Madre 2018, lanciano la nuova campagna Territori Equosolidali con l’obiettivo di promuovere strumenti e azioni per attuare buone pratiche sul Commercio Equo e Solidale e in favore del raggiungimento degli SDGs.

Un appuntamento importante che richiama l’attenzione sul ruolo fondamentale degli enti locali in tema di sviluppo sostenibile e di azioni concrete quali, ad esempio, gli acquisti pubblici responsabili, e le possibili collaborazioni con le organizzazioni di Commercio Equo e Solidale che sono presenti sul territorio con i prodotti, le botteghe, i volontari e i progetti di sensibilizzazione e informazione.

 

Il 24 settembre, dalle 10.30, nella sala conferenze del CAMPLUs di Torino Lingotto, nell’ incontro dal titolo Territori Equosolidali – dalle amministrazioni locali al cittadino. Le proposte del Commercio Equo e Solidale per un futuro sostenibile”, insieme ad esperti dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci), di alcuni Comuni tra cui Milano e Torino e ai rappresentanti delle organizzazioni di commercio equo, presenteremo gli obiettivi della campagna, le modalità di adesione e partecipazione, gli strumenti di attuazione e i materiali a supporto dei Territori Equosolidali: la guida, il sito, il video e la cartolina di presentazione. Un’iniziativa che riprende il via dopo una prima edizione di qualche anno fa, sulla scia del trend positivo delle città equosolidali su scala mondiale.

 

Un movimento di oltre 2000 enti locali, di diversa natura, che hanno scelto di promuovere il commercio equo in diversi settori, dandosi regole e obiettivi precisi per costruire opportunità economiche a livello locale e ponendo maggiore attenzione alla produzione e al consumo responsabile.

Londra, Parigi, Madrid, Ghent sono solo alcune delle più importanti città equosolidali e anche in Italia molti enti locali hanno già intrapreso pratiche di sostenibilità e promozione del commercio equo introducendo, ad esempio, alimenti equosolidali nelle mense scolastiche, appoggiando progetti di cooperazione internazionale insieme alle organizzazioni di commercio equo, promuovendo campagne di attivazione nella giornata mondiale del Commercio Equo e Solidale.

 

Gli ospiti d’onore di questo appuntamento saranno i comuni di Milano e Torino, che hanno avviato processi di definizione di food policy cittadina, nei quali è compreso in parte anche il Commercio Equo e Solidale e che presenteranno quindi le esperienze e i progressi fatti in tema di sostenibilità a partire dal settore alimentare.

La chiamata delle Nazioni Unite a tutti i soggetti pubblici e privati per cercare proposte e soluzioni alle sfide globali è stata lanciata a fine 2015. Il Commercio Equo e Solidale, da sempre promotore di modelli di economia basati sul rispetto dei diritti umani e dei lavoratori, dell’ambiente e di opportunità di crescita e inclusione sociale ha accettato la sfida e il lancio della campagna è il primo esempio di partnership strategica da mettere in atto per rinnovare gli impegni per la sostenibilità e la lotta alla povertà e all’esclusione sociale.

 

La campagna è promossa da Equo Garantito, Fairtrade Italia e Associazione Botteghe del Mondo.

 

 

La partecipazione è libera – per iscrizioni web@equogarantito.org

Con invito alla diffusione

Per maggiori informazioni:

 

Cristina Sossan – Equo Garantito

Tel 349. 7829291 – cristinasossan@equogarantito.org

www.equogarantito.org

 

Fairtrade Italia – Elena Guzzonato

Tel. 340.9832227

stampa@fairtrade.it

www.fairtrade.it

 


Promotori

Fairtrade Italia è il consorzio che dal 1994 rappresenta e promuove il Marchio di Certificazione Fairtrade e i valori del Commercio Equo e Solidale certificato sul territorio italiano. I soci di Fairtrade Italia sono organizzazioni non governative, associazioni, cooperative, consorzi e società che sostengono il Commercio Equo e Solidale, la cooperazione internazionale, l’azione sociale, la finanza etica, il rispetto dell’ambiente e la tutela dei consumatori.

Equo Garantito è l’associazione di categoria delle organizzazioni di Commercio Equo e Solidale italiane. Rappresenta nel Paese, nella società civile, con i media e le istituzioni locali e nazionali le esperienze e la cultura dei suoi Soci: organizzazioni non profit e Botteghe del Mondo che promuovono i prodotti e i principi di un’economia di giustizia fondata sulla cooperazione e su relazioni paritarie tra i soggetti che partecipano alla realizzazione di un bene.

È depositaria della Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale e gestisce il Registro Italiano delle Organizzazioni di Commercio Equo e Solidale attraverso un sistema di controllo certificato.
Associazione Botteghe del Mondo nasce nel 1991 come telaio per tessere tra le Botteghe del Mondo una rete di economia solidale sui territori e promuovere il Commercio Equo e Solidale, a tutti i livelli. Ha contribuito alla scrittura della Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale ed è proprietaria dei marchi Bottega del Mondo e di Tuttaunaltracosa, la fiera nazionale del Commercio Equo e Solidale.

31st luglio 2018

Lettera agli Europarlamentari

L’Associazione Botteghe del Mondo risponde al nuovo appello lanciato dalla campagna StopTTIP ed invita tutti i propri volontari ed attivisti a fare altrettanto.

 

Nella più totale assenza di trasparenza e forzando il bilanciamento di poteri tra le istituzioni europee, il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker ha rilanciato le trattative per il TTIP con Donald Trump. 

L’intenzione di Bruxelles è nominare un ristretto gruppo di tecnici che avvii il negoziato con la controparte statunitense. L’obiettivo è discutere dell’abbattimento di dazi e regole su una vasta gamma di settori: dall’agricoltura all’energia, dai farmaci alla chimica. La Campagna Stop TTIP Italia condanna fermamente questo gesto antidemocratico, che non tiene conto della contrarietà espressa da più di 3,5 milioni di cittadini europei, dei numerosi richiami alla trasparenza che negli ultimi anni il Mediatore europeo (Ombudsman) ha mosso alla Commissione e alle proteste fiorite in tutti gli Stati membri. 

 

Le forze politiche che siedono nel Parlamento Europeo devono immediatamente prendere la parola e fermare questa corsa verso una pericolosa apertura dei mercati, ricercata senza alcun mandato da parte dei governi nazionali.

Per questo oggi la Campagna Stop TTIP invita tutte e tutti i cittadini italiani e le organizzazioni della società civile a sollecitare gli europarlamentari italiani a difendere l’interesse pubblico e a far valere la loro posizione di rappresentanti dell’Italia in Europa.

 

Ecco la lettera che invitiamo a inviare: per la lista dei contatti email degli europarlamentari CLICCA QUI

 


LETTERA AGLI EUROPARLAMENTARI

Oggetto: Fermare il TTIP Zombie di Juncker e Trump

 
Gentile Europarlamentare
Come associazioni, sindacati e comitati della Campagna Stop TTIP Italia diciamo NO ad ogni forma di TTIP mascherato, il cui negoziato è stato riavviato dopo l’incontro del presidente Junker con Trump
La nostra prima analisi – che potrete trovare qui https://bit.ly/2v8LGuz – evidenzia i rischi di un negoziato ancora meno trasparente del TTIP, che mette chiaramente sul tavolo standard, regole e diritti essenziali come il cibo e i farmaci, e li affida a un non meglio precisato “comitato di esperti”, senza alcun mandato negoziale espresso dai Governi con un processo su cui nemmeno il Parlamento europeo sembra avere esplicito potere d’indirizzo e controllo.
Le Elezioni europee convocate per il Maggio 2019 saranno, per noi, occasione per verificare il vostro impegno a difesa dei nostri diritti, di quelli dei nostri territori e del nostro futuro.
Vi chiediamo di stringere la Commissione nei suoi limiti definiti dai Trattati e di fermare il TTIP Zombie di Juncker e Trump come vi hanno chiesto più di 3,5 milioni di cittadini europei e 75 mila vostri elettori.
 
26th ottobre 2017

100 Sindaci per il Commercio Equo

Parte da Osnago e da Tuttaunaltracosa una petizione a sostegno della Legge Nazionale per il Commercio Equo

A poco meno di un mese da Tuttaunaltracosa, Fiera Nazionale del Commercio Equo e Solidale tenutasi a Osnago (LC), sono già decine le Ammistrazioni e i Sindaci che hanno aderito alla raccolta firme a sostegno di una rapida approvazione della Legge nazionale sul Commercio Equo e Solidale. Un’occasione storica, importante per tutto il movimento e a tutela dei milioni di consumatori e produttori che grazie al Movimento del commercio equo ogni giorno possono scegliere di produrre e consumare in modo equo e responsabile.

L’iniziativa a sostegno della legge è nata da un convegno tenutosi durante Tuttaunaltracosa ed è fondamentale poichè per la prima volta normerà il settore con un Albo pubblico.

Scarica la petizione 100 Sindaci per il Commercio Equo Solidale

Le adesioni e le richieste di informazioni possono essere mandate a equosolidale@assobdm.it

Assobotteghe, Equogarantito e Fairtrade Italia ringraziano gli Amministratori locali che hanno già aderito.

(altro…)

26th ottobre 2017

100 Sindaci per il Commercio Equo

Parte da Osnago e da Tuttaunaltracosa una petizione a sostegno della Nazionale per il Commercio Equo

A poco meno di un mese da Tuttaunaltracosa, Fiera Nazionale del Commercio Equo e Solidale tenutasi a Osnago (LC), sono già decine le Ammistrazioni e i Sindaci che hanno aderito alla raccolta firme a sostegno di una rapida approvazione della Legge nazionale sul Commercio Equo e Solidale. Un’occasione storica, importante per tutto il movimento e a tutela dei milioni di consumatori e produttori che grazie al Movimento del commercio equo ogni giorno possono scegliere di consumare in modo equo e responsabile.

L’iniziativa a sostegno della legge è nata da un convegno tenutosi durante Tuttaunaltracosa ed è fondamentale poichè per la prima volta normerà il settore con un Albo pubblico.

Scarica la petizione e100 Sindaci per il Commercio Equo Solidale

Le adesioni e le richieste di informazioni possono essere mandate a equosolidale@assobmd.it

Assobotteghe, Equogarantito e Fairtrade Italia ringraziano gli Amministratori locali che hanno già aderito.

(altro…)

15th febbraio 2016

Advocacy

Assobotteghe partecipa al gruppo Advocacy

http://fairtrade-advocacy.org/

Powered by LibLab